22 ottobre 2020Temi: , , Caffè solidale: Data X aiuta l’emporio Dora e AIMA (Malattia Alzheimer)

Comprare caffè per sostenere le famiglie di persone con demenza simile. Esiste un modo diverso di fare solidarietà. Ci sono aziende molto innovative che hanno sempre fatto coesistere l’obiettivo di fare business con l’attenzione alla comunità e il loro impatto sociale ed ambientale. La reggiana Data X, realtà di prima fascia del settore informatico, è da sempre attentaalla Responsabilità sociale d’impresa e ha vinto per questo il premio Innovazione Sociale per le imprese della Regione Emilia-Romagna nel 2018.

Sostiene da anni l’emporio Solidale come azienda, ma anche coinvolgendo dipendenti e clienti nella partecipazione al progetto di contrasto alle nuove povertà della città. In occasione del Natale 2019, ha deciso di sostenere anche Aima – Associazione italiana malattia Alzheimer di Reggio Emilia, facendo una donazione per le noci solidali proposte dall’associazione, pensate come pensiero da regalare ai propri dipendenti e clienti.

Quest’anno 2020, in un anno di grande fragilità per tutti e soprattutto per il Terzo Settore, Data X ha fatto un ulteriore salto nel suo approccio alla solidarietà: ha deciso di rinnovare il suo sostegno ad Aima nell’ambito della loro campagna “#uncaffèperilcaffè”. La generosità è doppia: Data X ha fatto una donazione da 500 euro ad Aima, ricevendo in cambio decine di confezioni di caffè poi girate direttamente all’emporio solidale cittadino Dora. Per le scorte di Dora, il caffè è un bene prezioso, la fornitura è risultata quanto mai preziosa.  

Una doppia donazione quindi, che produce valore per centinaia di beneficiari e per le associazioni partner.  

“Csv Emilia – DarVoce, coordinatore del progetto Emporio Solidale ritiene che le imprese possano avere un ruolo fondamentale nel prendersi cura della propria comunità di riferimento, ricavandone numerosi vantaggi a loro volta. Lavora in un’ottica di partnership, proponendo alle imprese proposte di volontariato d’impresa, coinvolgimento dei dipendenti, attività di marketing etico. Per questo, ringraziamo Data X per l’approccio sempre solidale ed innovativo di fare del bene, si spiega dal centro di servizio per il volontariato reggiano.

FacebookTwitterGoogle+