29 febbraio 2020Temi: , , Coronavirus, l’aggiornamento di Anpas Emilia Romagna

Dal sanitario alla protezione civile, continua l’impegno di Anpas per rispondere in tutta Italia al rischio sanitario proveniente dal contagio del coronavirus, in sinergia con la task force del Ministero Salute, Enti locali e dipartimento della Protezione Civile. Oltre al lavoro delle singole pubbliche assistenze Anpas sul territorio, sono stati settanta i volontari coinvolti a livello nazionale negli scali e a supporto del sanitario.

Oggi si è riunita a Bologna l’unità di Crisi Anpas.  L’incontro con i presidenti regionali delle regioni maggiormente coinvolte da coronavirus (Toscana, Emilia Romagna, Liguria, Lombardia, Veneto, Piemonte) con la Presidenza e i componenti dell’unità di crisi nazionale.

Il lavoro delle sale operative Anpas. Aperte h24 tutte le sale operative regionali attive con almeno un operatore (nelle zone con minore attività) fino ai cinque operatori che si turnano nella sala operativa nazionale per garantire l’operatività. Un impegno costante quello delle Sale operative sia sulla copertura degli aeroporti che per gli interventi sanitari. Tutto questo è stato reso possibile grazie alle esperienze avute nelle passate emergenze che hanno permesso una messa in rete di dati e informazioni reso possibile, a sua volta, dalla creazione e dalla condivisione di protocolli e procedure standardizzate negli anni.

L’allestimento delle tende presso gli ospedali. Negli ultimi cinque giorni i volontari Anpas sono stati impegnati nell’allestimento delle tende di Protezione Civile presso le strutture ospedaliere in Toscana, Veneto, Emilia Romagna, Campania, Umbria, Piemonte e Lombardia.

La prevenzione negli aeroporti e nei porti. Continua, in coordinamento con il Dipartimento di Protezione Civile e le altre organizzazioni di volontariato, l’opera di prevenzione dei volontari Anpas che, da quasi un mese, sono presenti negli aeroporti e nei porti italiani per le procedure di controllo della temperatura corporea dei viaggiatori in ingresso in Italia.

«È necessaria un’azione stringente anche con operazioni che possono spaventare, ma che sono necessarie perché queste epidemie vanno gestite sin dall’inizio per poter far fronte al meglio al problema e circoscrivere il rischio sanitario» ha dichiarato Fabrizio Pregliasco, virologo e presidente Anpas. «Fondamentale è anche mantenere alta l’attenzione per la tutela e la protezione degli operatori sanitari e dei volontari che dall’inizio di febbraio sono impegnati tanto nella gestione dei servizi ordinari quanto nel monitoraggio sanitario negli aeroporti» ha continuato Pregliasco.

Il diritto di essere volontari: l’appello di Anpas per agevolare il volontariato da parte delle aziende. L’appello agli imprenditori perché non vietino ai lavoratori di prestare opera di volontariato per le misure contro il Coronavirus: «Chiediamo alle aziende di non avere paura delle attività che i loro dipendenti svolgono come volontari nelle pubbiche assistenze Anpas: oltre a utilizzare i loro dispositivi di protezione, tutto il personale Anpas è sempre seguito dalle autorità sanitarie locali, per cui non c’è nessun rischio», l‘intervista a Carlo Castellucci, vicepresidente vicario Anpas a Radio Articolo 1.

Continuano anche i servizi ordinari. Continuano i servizi ordinari (i servizi di emergenza-urgenza e i trasporti ordinari), con le indicazioni regionali di protezione per i singoli operatori «é uno sforzo immenso perché oltre all’attività negli aeroporti, c’è l’attività ordinaria per i volontari che in questo momento danno la loro disponibilità di fare trasporto ed emergenza sulle ambulanze» ha dichiarato Carlo Castellucci.

FacebookTwitterGoogle+