17 gennaio 2020Temi: , , Il 20 gennaio al via il nuovo corso per volontari della Croce Verde di Castelnovo e Vetto

Potrà contare sugli spazi modernissimi e ottimali della nuova sede, al Centro Fiera in via dei Partigiani, il nuovo Corso di formazione per i volontari della Croce Verde di Castelnovo Monti e Vetto, che prenderà il via lunedì prossimo, 20 gennaio, alle 20.30.

Spiega il presidente della Pubblica assistenza appenninica, Iacopo Fiorentini: “La nuova sede, inaugurata lo scorso 22 dicembre, è uno strumento straordinariamente importante per svolgere il nostro lavoro, migliorare i nostri servizi e aumentare il livello di sicurezza del territorio. Ma la base di tutto questo restano sempre le persone, i volontari: senza di loro la Croce Verde non esiste, e nessuno dei nostri circa 21.000 servizi all’anno, tra trasporti ordinari ed emergenze, sarebbe possibile. Ma per mantenere questi standard così elevati abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti, per questo ogni nuovo corso per formare nuovi volontari ha un’importanza decisiva”.

Per partecipare al nuovo corso sarà sufficiente presentarsi alla prima serata, il 20 gennaio alle 20.30 nella nuova sede. Il corso base consentirà, attraverso step successivi, di diventare soccorritore, volontario per i trasporti ordinari oppure centralinista della Croce Verde di Castelnovo Monti e Vetto, e compiere in questo modo qualcosa di grande per se stessi, la propria famiglia e tutta la comunità. È possibile ricevere tutte le informazioni telefonando al numero 0522 612164 o scrivendo a info@croceverdecm.it.

Conclude Fiorentini: “In un territorio come l’Appennino il ruolo di ogni volontario è fondamentale per mantenere il livello di sicurezza socio-sanitaria: la montagna ha una popolazione di età media elevata, diradata spesso in piccole borgate o case isolate, per questo riuscire a dare un servizio che sia tempestivo, costante, presente e vicino ogni giorno è vitale.

Negli ultimi anni il volontariato ha incrementato questa attenzione e vicinanza alla comunità, sopperendo anche a quegli aspetti al di fuori dell’emergenza-urgenza che il pubblico non ha la possibilità di “coprire” in modo completo. Nella nostra realtà c’è spazio per chiunque se la senta di donare un po’ del proprio tempo: anche chi non pensa di essere adeguato per intervenire sulle emergenze può avere un ruolo altrettanto importante. Non è indispensabile poter garantire tante ore a settimana: ogni scampolo di tempo dedicato al volontariato è di grande valore.

E chiunque si avvicini alla nostra Pubblica Assistenza, avrà modo di entrare in una grande famiglia, conoscere nuovi amici e comprendere quei valori che rendono, mi sia concesso dirlo, la Croce Verde speciale. Spero davvero in una forte partecipazione al corso: accoglieremo tutti a braccia aperte”.

FacebookTwitterGoogle+