17 novembre 2015Temi: Incontro A.P.E. Onlus: Conosco la mia endometriosi?

Da anni l’A.P.E. Onlus Associazione Progetto Endometriosi (www.apeonlus.com) – un gruppo di donne affette da endometriosi che si basa sul reciproco sostegno, conforto e aiuto – è impegnata in un’importante campagna di sensibilizzazione sull’endometriosi, che affligge in Italia oltre 3 milioni di donne in età fertile e nel mondo circa 150 milioni. L’endometriosi è una malattia cronica dolorosa, subdola e invalidante. Per anni lavora in silenzio, non si sa di averla e intanto ti cambia radicalmente la vita. Ti senti sola, smarrita, con l’autostima sottozero e i rapporti sociali, la vita di coppia e il lavoro messi a dura prova.
Ti senti una donna “difettosa”, una donna a metà e hai paura, perché forse non potrai avere figli. Occorrono molti anni prima di una diagnosi certa e spesso è necessario più di un intervento chirurgico. Può occludere le tube, creare aderenze, distorcere gli organi riproduttivi. Provoca dolori forti durante il ciclo e l’ovulazione, dolori durante o dopo i rapporti sessuali, dolore pelvico cronico, cistiti ricorrenti, perdite intermestruali e colon irritabile.

Il Gruppo volontarie A.P.E. Onlus di Reggio Emilia ha organizzato per giovedì 19 novembre dalle ore 20, un interessante incontro dal titolo: Conosco la mia endometriosi? Presso l’Ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, in V.le Risorgimento 80, Aula Formazione 3, Gruppo Salita 6, colore giallo, piano -1. L’incontro sarà moderato dalla Dr.ssa Rossella Ardenti, psicologa e psicoterapeuta, con la quale si discuterà di come non esista “ un’endometriosi uguale all’altra” e come la malattia influisca in modo diverso da donna a donna.
Ogni donna, infatti, reagisce diversamente al dolore, agli interventi, alle difficoltà di realizzare il proprio desiderio di maternità e ogni donna ha bisogno di imparare ad ascoltare se stessa per capire i cambiamenti avvenuti nella propria vita a seguito della malattia.

Info: reggioemilia@apeonlus.com , www.apeonlus.com

FacebookTwitterGoogle+