12 novembre 2019Temi: , , Cena sensoriale in ambiente oscurato il 6 dicembre

Una cena al buio per la giornata mondiale della disabilità. “Il gusto del buio” si terrà venerdì 6 dicembre a Reggio Emilia, dalle 19.30 al circolo Arci Pigal di via Petrella 2, organizzato dalla sezione reggiana dell’Unione Italiana dei Ciechi e degli Ipovedenti in collaborazione con l’associazione sportiva “La Ghirlandina”. Sostengono l’iniziativa anche DarVoce, il progetto All Inclusive Sport e il Comitato Paralimpico regionale.

Tanti gli ospiti. Saranno presenti: Alessandro Frosini, direttore sportivo della Pallacanestro Reggiana; Adill Zarid socio UICI e referente per lo sport della Sezione Territoriale di Reggio Emilia, giovane atleta ipovedente, in rappresentanza per l’Italia ai mondiali di Parapole, pole dancing paralimpica, che si sono tenuti in questi giorni ad Helsinki in Finlandia; Roberta Mori, consigliera della Regione Emilia-Romagna e presidente della Commissione Pari Opportunità.

Nel corso della serata verranno fornite informazioni sulle realtà associative presenti in provincia che promuovono lo sport “per tutti” e favoriscono la pratica dell’attività fisica da parte di persone con qualsiasi tipo di disabilità, con un’attenzione particolare  agli sport fruibili da non vedenti e ipovedenti.

L’appuntamento fa parte delle iniziative per celebrare la “Giornata Internazionale delle persone con disabilità” (la data scelta è il 3 dicembre) proclamata dall’Onu nel 1981 allo scopo di promuovere i diritti e il benessere dei disabili. Una giornata che nasce con l’obiettivo di promuovere i diritti e il benessere delle persone disabili, così da garantire un rapido cammino verso lo sviluppo inclusivo e sostenibile.

LA CENA AL BUIO
Convivialità, sensibilità, divertimento e conoscenza. Sono questi gli ingredienti della serata che fa il punto sul tema della disabilità visiva e sullo sport come importante veicolo di aggregazione e inclusione a cui parteciperanno anche stimati professionisti dell’ambito sportivo.

Quello della cena al buio è un format ormai collaudato: particolarità che lo contraddistingue è l’ambiente oscurato e un convivio fatto di voci e buone pietanze, da gustare senza poterle vedere, lasciandosi guidare dagli altri sensi, gusto, olfatto, udito e persino tatto per conoscere e apprezzare sapori, profumi, suoni.

MENÙ
aperitivo di benvenuto, bis di primi, secondo con contorno, dolce, acqua e vino.
La cena ha un costo di 30 euro per gli adulti, 15 euro per i bambini sotto i 12 anni.

PRENOTAZIONI
La prenotazione è obbligatoria e va effettuata entro sabato 30 novembre. Per prenotare contattare Chiara Tirelli al numero 339.8753553.

Scarica qui la locandina.

FacebookTwitterGoogle+