18 aprile 2019 Chiedi a Darvoce: Direct mailing

In questi tempi digitali, la mail è uno strumento quasi indispensabile per tutti noi. E le campagne via mail, o “direct mailing”, possono essere un’arma vincente per le realtà del terzo settore.

Sei un’associazione che già fa direct mailing e vuole migliorarlo? O vorresti iniziare? Sei sulla strada giusta: è un’ottima strategia per coinvolgere nuovi donatori e per continuare a fidelizzare quelli che già sostengono la nostra organizzazione non profit.

Ma cosa rende un direct mailing vincente? Come si ottengono i risultati migliori?
In realtà per ottenere un risultato efficace dal direct mailing bisogna far riferimento a tanti piccole leve, che fanno la differenza.

Prima fra tutte la buona causa. Ogni Organizzazione Non Profit porta avanti una causa differente che può portare il singolo soggetto a donare. Ci sono certamente cause più coinvolgenti e cause più emozionanti, ma ogni bravo fundraiser deve essere in grado di trasmettere la propria buona causa, affinché sia considerata il più emozionante e sostenibile possibile.

Una volta capito come trasmettere al donatore la buona causa e come farlo emozionare, la prossima mossa è lo Storytelling! Un mailing non può non essere di successo se non presenta al suo interno una “storia”. Attraverso la testimonianza personale, si riesce a condividere e trasmettere al donatore quell’emozione in più che non arriverebbe se si comunicassero solo numeri e dati.

Nel caso in cui abbiate bisogno di maggiori informazioni contattate Dar Voce il martedì pomeriggio dalle 14.30 alle 18.30, chiedendo di Anna, Cecile e Diletta.

FacebookTwitterGoogle+