16 settembre 2014Temi: , , Conferenze con la Federazione Italiana Settore Turismo

Ecco il resoconto del ciclo di conferenze sulla presenza degli Etruschi in Emilia Romagna, tutte tenute da archeologici della Soprintendenza ai Beni Archeologici dell’Emilia Romagna, e promossi dalla Federazione Italiana Settore Turismo, realtà che ha sede a Reggio Emilia.

A tracciare un riassunto è il presidente Gianfranco Tirelli

Il ventinove agosto si è concluso a Riccione il ciclo di conferenze sulla presenza degli Etruschi in Emilia Romagna, tutte tenute da archeologici della Soprintendenza ai Beni Archeologici dell’Emilia Romagna. Sono state in tutto tre conferenze: la prima a Cattolica, il sette agosto, tenuta dalla dott.ssa Annalisa Pozzi, il tema trattato è stato: “Scoprire i Villanoviani di Verucchio” e si è tenuta nel giardino del Museo della Regina.

La seconda ha avuto luogo a Rimini, sabato 23 agosto, nella Sala del Giudizio Universale posta all’interno del Museo della Città. La relatrice è stata la dott.ssa Caterina Cornelio direttrice del Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, ed il tema trattato è stato: “Spina e i suoi tesori”.

Come già detto all’inizio, l’ultima conferenza si è tenuta a Riccione nel Giardino del Centro della Pesa il ventinove d’agosto, relatore il dott. Tiziano Trocchi; il tema della serata è stato: “Incontrare gli Etruschi di Kainua – Il Museo Nazionale Etrusco di Marzabotto”.

La partecipazione del pubblico è stata molto lusinghiera in tutte le conferenze con sale piene fino al termine dell’esposizione e con molte persone che alla fine si sono intrattenute con i relatori. Sono state anche organizzate due gite a Marzabotto e a Verucchio per visitare i musei e i siti archeologici.

Questo è il primo anno che la Federazione Italiana Settore Turismo collabora con la Soprintendenza ai Beni Archeologici dell’Emilia Romagna per la realizzazione di conferenze sulla costa, utili a promuovere l’interesse per i musei archeologici presenti nella regione. Il risultato di pubblico è stato lusinghiero per il primo anno e spinge a promuovere iniziative simili anche per il prossimo anno, magari affinando le location, aumentando la promozione e migliorando in genere l’organizzazione degli eventi.

A conclusione dell’iniziativa di quest’anno rivolgo un doveroso ringraziamento al Soprintendente dott. Marco Minoja per la disponibilità sua personale e quella dei suoi collaboratori: senza la soprintendenza non avremmo potuto mettere in campo questi eventi.

 

 

Un grazie particolare alla dott.ssa Annalisa Pozzi, strappata ai suoi amati scavi, nella sua doppia veste di partecipante all’organizzazione delle conferenze e di conferenziere parlando dei Villanoviani di Verucchio in modo partecipato ed estremamente chiaro; un grazie anche alla dott.ssa Caterina Cornelio e al dott. Tiziano Trocchi per le loro brillanti ed appassionate presentazioni di Spina e di Kaunia. Un grazie sincero per la disponibilità e l’interesse mostrato fin dai primi incontri alla dott.ssa Maria Luisa Stoppioni, direttrice del Museo della Regina a Cattolica, al dott. Maurizio Biordi direttore del Museo di Rimini e alla dott.ssa Daniela Grossi direttrice dei Musei di Riccione. Un grazie anche alla dott.ssa Orietta Piolanti e al dott. Andrea Tirincanti per la loro fattiva collaborazione. Un doveroso ringraziamento alle amministrazioni dei Comuni di Cattolica, Riccione e Rimini, ai dirigenti comunali per la grande ed immediata disponibilità a sostenere queste iniziative: grazie davvero. Un grandissimo grazie va ai tanti che hanno partecipato alle conferenze, la cui presenza ci ha onorato e ci sprona a continuare a raccontare la nostra storia.

Il 2015 è un anno di grandi eventi, l’Expo su tutti, ma anche altre ricorrenze storiche consentiranno di intercettare una parte dei tanti visitatori e di coinvolgerli in queste manifestazioni. Per parte nostra noi, come Fist, continueremo a proporre eventi culturali realizzati in collaborazione con altre istituzioni o enti per diffondere la consapevolezza che “DI CULTURA SI PUO’ VIVERE” in particolare in un paese che detiene il 60% dei beni culturali del mondo. Accanto ai temi culturali continueremo a parlare di turismo in tutte le sue accezioni e a difendere con forza l’argomento fondante della nostra associazione: “La qualità nel turismo” applicata a tutti i servizi turistici.

Un invito infine a coloro che leggeranno questo mio messaggio: aiutateci diffondendolo e se lo credete iscrivendovi, tramite il nostro sito www.fisturismo.com o indirizzando una mail a questo indirizzo, alla nostra associazione, potrete così collaborare alle nostre attività contribuendo alla circolazione delle idee ed alla contaminazione reciproca di proposte.

Un grazie di cuore a tutti.

FacebookTwitterGoogle+