1 novembre 2019Temi: , Convegno su “Anarchismo e volontariato in armi”

Sabato 9 novembre alla Sala del Planisfero della Biblioteca Panizzi in via Farini 3 a Reggio Emilia si terrà un convegno promosso dall’archivio Famiglia Berneri – A. Chessa su “Anarchismo e volontariato in armi nella storia contemporanea – Biografie e traiettorie di combattenti transnazionali”

Ecco il programma, ore 10.00
Enrico Acciai (University of Copenhagen), apertura dei lavori

Dall’Unità d’Italia alla Grande guerra 

Ore 10.15. Elena Bacchin (Università Ca’ Foscari Venezia)
Combattere per altri popoli. Alcuni volontari transnazionali del Risorgimento.

Ore 10.45. Giacomo Bollini (Museo del Risorgimento di Bologna) Itinerari garibaldini alla guerra greco-turca del 1897: anarchici, socialisti ed avventurieri anarchico italiano.

ore 11.15. Antonio Senta (Università di Trieste) 
Gli anarchici di lingua italiana nella rivoluzione messicana.

ore 11.45. Alessandro Luparini (Biblioteca Oriani, Ravenna)
“Essere in guerra contro tutto e contro tutti”. Il volontarismo anarchico nella Grande Guerra

ore 12.15. Matteo Stefanori (Università degli Studi della Tuscia) Memorie in camicia rossa al fronte: la legione garibaldina in Francia del 1914

ore 13.00 PAUSA PRANZO

I lunghi anni della lotta antifascista
coordina Emanuela Minuto (Università di Pisa)

ore 15.00 Luigi Balsamini (Archivio – Biblioteca “Enrico Travaglini”) Gli Arditi del popolo. Una traiettoria in armi: dalla guerra per la patria alla difesa del proletariato (1917-1922)

ore 15.30 Giovanni Cattini (Universitat de Barcelona)
Esperienze transnazionali d’antifascismo: gli anarchici italiani tra le Legioni Garibaldine e i nazionalisti catalani

ore 16.00 Claudio Silingardi (Istituto Storico di Modena)
Rivoluzio e gli altri: alcuni percorsi tra “biennio nero”, fuoruscitismo e guerra di Spagna

ore 16.30 Giorgio Sacchetti (Università degli Studi Roma Tre) Umberto Marzocchi, dalla Spagna rivoluzionaria al maquis

ore 17.00
Conclusione dei lavori e dibattito

L’Archivio Famiglia Berneri – Aurelio Chessa della Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia custodisce un ricco patrimonio librario e documentario che abbraccia circa un secolo di storia, ricca di fatti e di episodi ignoti, o perduti nella memoria, dell’anarchismo e del movimento operaio. L’ampia documentazione relativa all’attività politica e pubblicistica di Camillo Berneri, uno dei principali protagonisti del movimento anarchico internazionale, consegnata dalla famiglia Berneri ad Aurelio Chessa, ha costituito il nucleo più significativo di un archivio-biblioteca che lo stesso Chessa ha poi curato ed arricchito con un impegno che divenne per lui ragione di vita.
Oggi l’Archivio è diventato un punto di riferimento fondamentale per gli studiosi dell’anarchia e del movimento operaio, ai quali può offrire una biblioteca specializzata e fonti documentarie di straordinario interesse. L’archivio ha sede a Reggio Emilia in via Tavolata 6.

FacebookTwitterGoogle+