22 giugno 2016Temi: , Festa del solstizio d’estate

gra2Sabato 25 giugno a Reggio Emilia, le associazioni Gramigna e Amici del Quartetto “Guido A. Borciani” organizzano una bella giornata di iniziative nel verde del Giardino Officinale/ Orto Sinergico di Via Cugini per festeggiare insieme il Solstizio D’estate.

L’iniziativa fa parte delle manifestazioni sostenute dal Comune di Reggio – Restate, propongono un nutrito programma con diverse attività che si svolgeranno nella splendida cornice del

PROGRAMMA

  • Si comincerà alle 10:30

con diversi laboratori creativi ed espressivi, aperti a persone di tutte le età, che vedranno la collaborazione di: PASTAMATTA “Creative food”, con la quale le erbe diventeranno fantastici ingredienti per creare pasta fresca multicolore; L’INDACO ATELIER con un laboratorio per stringere, ammorbidire, modellare la creta con mani capaci e curiose utilizzando materiale naturale; NATI PER LEGGERE con storie, favole su fiori, erbe, maghi, folletti e streghe; BALINTA SARZI, nipote del celebre burattinaio, con cui si realizzeranno semplici burattini; LABORATORIO DI TESSITURA con oggetti di riciclo saranno realizzati telai e intrecci per poter liberare la creatività.

Nella mattinata è in programma una VISITA GUIDATA AL GIARDINO OFFICINALE DI GABRINA per ammirare e conoscere le tante e diverse specie di piante che lo popolano.

  • Dalle 17:30 alle 19:30:

concerto con il  quartetto TAAG, musiche di C. Gesualdo da Venosa e W. Amadeus Mozart, testi tratti dalla letteratura colta e popolare.

programma:

– Carlo Gesualdo da Venosa 1566-1613: Felice Primavera – dal Libro I dei Madrigali (1587), Il sol qual or più splende – dal Libro IV dei Madrigali (1603)

– Wolfgang Amadeus Mozart 1759-1791: Quartetto no 14 in sol maggiore, K 387 (1782)

Gli interpreti: QUARTETTO TAAG, Tommaso Fracaro violino, Alessandra Deut violino, Alessandro Curtoni viola, Giulio Sanna violoncello

L’argomento: Dall’hortus clausus agli orti urbani. Luoghi e racconti per coltivare la musica suggerisce al pubblico inediti spazi, spunti e modalità per ascoltare la musica colta in un programma che spazia da Carlo Gesualdo da Venosa a W.A.Mozart. La ricchezza ambientale del territorio urbano si intreccia con le storie che narrano del mondo delle piante e degli animali, i personaggi a cavallo tra mito e poesia che le animano e la narrazione che tutti noi soggettivamente attribuiamo al susseguirsi delle melodie, degli accenti, dei ritmi delle composizioni musicali.  Dall’ artemisia alla menta, dal  rosmarino alla ruta, dalla calendula  alla lattuga, caratteri e proprietà delle erbe officinali rivivono nelle trasfigurazioni mitologiche di Ovidio, nei saggi suggerimenti  di Columella, nelle indicazioni di Hildegard von Binden volte a curare il corpo e l’anima, nelle visioni  favolistiche dell’ Ariosto, nelle leggende e nei motti popolari e ci aiutano a ripercorrere la storia di uno dei topoi culturali più ricchi e significativi trasmessoci dalla cultura classica e da quella medievale.

Il quartetto italiano TAAG nasce nel 2011 a Torino. L’ ensemble ha partecipato a numerose manifestazioni e ha ottenuto diversi riconoscimenti tra cui il primo premio al Concorso Pugnani 2012, il premio speciale “Piero Farulli” e il premio della Giuria al Premio Crescendo 2015, il primo premio SVIRÉL 2016. Il Quartetto ha seguito le masterclass di Hatto Beyerle, Christophe Coin, Marco Decimo, Christophe Giovaninetti e Patrick Jüdt. Nel 2015 ha avuto l’opportunità di prendere parte alla Sessione fiesolana dell’ECMA – European Chamber Music Academy (una delle più prestigiose istituzioni di formazione cameristica in Europa) affacciandosi per la prima volta, al panorama europeo. Attualmente frequenta il corso di perfezionamento annuale dell’Accademia Europea del Quartetto della Scuola di Musica di Fiesole con Miguel Da Silva e Andrea Nannoni. La sua crescita artistica è fortemente legata al Quartetto di Cremona (Accademia W. Stauffer) e ad Antonello Farulli. Il gruppo ha collaborato con la pianista A.  M. Cigoli e con il compositore A. Di Scipio.

La relazione unica con il compositore L. Curtoni rappresenta un raro campo di prova, dando al quartetto l’opportunità di suonare musica nuova, scritta appositamente per loro. Nel 2012 e nel 2013, è stato ospite del Festival MiTo di Torino. Nel 2015, in diretta streaming, ha suonato per AGIMUS nell’Aula Magna dell’Università La Sapienza di Roma. Nel 2016 sarà impegnato all’Accademia Perosi di Biella con Sandro Cappelletto, al Festival dei Due Mondi di Spoleto e alla Fondazione William Walton – Giardini La Mortella, ad Ischia. Il quartetto usufruisce, per gentile concessione della Scuola di Musica di Fiesole, degli strumenti di Arnaldo Morano (1970) e della celebre viola Igino Sderci (1939) appartenuta a Piero Farulli .

  • DALLE 19:30

SARà SERVITO UN BIO-APERITIVO A CURA DI GHIRBA “BIOSTERIA DELLA GABELLA” con MUSICA DAL VIVO CON FRANCESCO GARUTI ALL’HANG


Gli organizzatori:

Associazione di Promozione Sociale Gramigna nata a gennaio 2013 che ha come obiettivo l’applicazione dei principi ecologici alle relazioni umane. Nella natura, così come tra le persone, si propone di coltivare le risorse di ogni singola individualità, rispettare la diversità e nello stesso tempo mantenere una coesione globale. Opera sul territorio di Reggio Emilia, nel parco delle Acque Chiare ed il suo obiettivo è di rendere questo spazio un contesto vivo, accogliente e condiviso: un luogo di cui ognuno possa sentirsi parte. Nello specifico, favorisce l’interazione tra le singole individualità e l’ambiente, incentivando la partecipazione, la crescita personale e collettiva attraverso svariate attività aperte a persone di tutte le età e provenienza. L’orto diventa, nei nostri progetti, un luogo familiare, vivibile, in cui poter recuperare il piacere e il benessere di sentirsi in relazione con gli altri. Alcune attività fino ad ora svolte: coltivazione condivisa di un giardino officinale e orto sinergico; visite guidate; raccolta dei prodotti della terra e loro trasformazione; esperienze di facilitazione sociale; eventi di tipo formativo e ludico; progetti in collaborazione con partner italiani ed esteri finanziati dalla comunità europea.

Il Giardino di Gabrina è un orto di erbe aromatiche ed officinali, realizzato nel 2012 con il supporto de “I reggiani per esempio”, curato da un gruppo di volontari delle associazioni “Gramigna” e “Acque Chiare – Bazzarole”. Creato al fine di valorizzare il Parco delle Acque Chiare e nel contempo, coinvolgendo chiunque fosse interessato, far crescere i valori di salute, cura, solidarietà e nutuo aiuto tra le persone. Nella natura, così come tra le persone, si propone come spazio dove possano essere coltivate le risorse di ogni singola individualità, rispettando la diversità e nello stesso tempo mantenendo una coesione globale.

L’Associazione Amici del Quartetto “Guido A. Borciani” mira a riunire gli amanti della musica da camera e tutti coloro che semplicemente si sono trovati ad appassionarsi al concorso ed alle iniziative allo stesso correlate, allo scopo di sostenere e far conoscere il più possibile questi eventi, unici a livello mondiale, e di renderli esperienza indimenticabile per quei giovani che, partecipandovi, vi rimettono le loro speranze per il futuro.

CONTATTI: Associazione Gramigna: associazione.gramigna@gmail.com fb: Gramigna – Associazione di Promozione Sociale; Giardino Officinale di Gabrina

FacebookTwitterGoogle+