14 ottobre 2019Temi: , , I Nomadi a Votigno: donati 10.000 euro al Grade

Nomadi assegno a GradeSi sono presentati al completo e hanno dedicato ai fan giunti da diverse parti d’Italia una singolare esecuzione acustica di “Io Vagabondo” e di alcuni altri brani. Ma, prima ancora, i Nomadi, la band italiana più lungeva, hanno staccato un assegno di 10.000 euro per il Grade, consegnati da Beppe Carletti a Roberto Abati, direttore della Fondazione Grade Onlus.

A Votigno ha fatto il pieno, tra agricoltori e appassionati, l’iniziativa “Le forme della solidarietà”, ideata dal vulcanico Fabrizio Lugarini, del Nomadi Fans Club Pan Person Nomadi e Lambrosc in collaborazione col Consorzio Parmigiano Reggiano e i Nomadi e le latterie di Tabiano (Viano) e Campola (Vezzano). Infatti, anche il ricavato del pranzo organizzato nella giornata di domenica 13 ottobre sarà devoluto al Grade onlus a sostegno di un importante progetto di ricerca Grade no limits. Non solo, due nelle latterie i Nomadi hanno autografate quattro forme di Parmigiano Reggiano che, tra 24 mesi, saranno messe all’asta per il medesimo progetto “che ha l’ambizione di raccogliere 1 milione di euro per una ricerca più approfondita sulle cellule tumorali” ha affermato Roberto Abati.

“Essere solidali cosa poco e basta averlo nel cuore – ha affermato Beppe Carletti – e il Grade è un orgoglio reggiano a favore di chi ne ha bisogno”.

“Con questa iniziativa i Nomadi si confermano una band di valore internazionale” ha dichiarato Lorenzo Pinetti, presidente della sezione di Reggio Emilia del Consorzio Parmigiano Reggiano. Juri Cilloni, ha indossato per l’occasione una maglia del Consorzio. Con lui, intervistati dal giornalista Gabriele Arlotti, tutti i musicisti del gruppo per quanto rientrati in nottata da un concerto. Daniele Campani, batterista e figlio di casaro, ha ricordato i suoi esordi musicali “con i tappi percossi sulle vasche di decantazione del latte”.

Soddisfazione per i casari Ivan Cilloni (cugino del cantate Juri), che per l’occasione ha tagliato una forma di oltre 5 anni di stagionatura, e Giuliano Ugoletti, coadiuvato nella giornata dall’Unione sportiva di Vezzano. Apprezzamento congiunto espresso dai sindaci di Viano, Nello Borghi, e Stefano Vescovi: “Nomadi e Parmigiano Reggiano due eccellenze col cuore emiliano che, con la nostra gente, sanno rendere grade il valore della solidarietà”.

E’ intervenuta anche Rosy Fantuzzi, compagna per una vita di Augusto Daolio prima e indimenticata voce del gruppo di Novellara, per consegnare una targa di riconoscimento al fan club Abruzzo Nomade, per l’impegno a favore dell’Associazione Augusto per la vita. La cantante Sabrina Dolci, originaria di Miscoso ma ora residente a Roma, da alcuni anni collabora con i Nomadi: ha stupito i presenti con la sua vocalità e presenza scenica nell’ultima parte della giornata. Stefano Dallari, ha ricordato come ci furono proprio i Nomadi ad accogliere a Votigno il Dalai Lama, esattamente 20 anni fa. La Gastronomia della Piazza di Puianello ha svolto il servizio di sala, aperto dalla Marcia di Radetzki, mentre la cantina di Puianello ha offerto una selezione della propria produzione.

FacebookTwitterGoogle+