25 settembre 2017Temi: , Il bilancio di “Puliamo il mondo”: ancora troppi rifiuti abbandonati

Villa 1Si è svolto nei giorni scorsi “Puliamo il Mondo”, l’iniziativa che da 25 anni educa i cittadini alla cura del proprio ambiente e che ha contribuito negli anni ad una sensibilizzazione diffusa.


“A Reggio sabato pomeriggio – dichiara Massimo Becchi – si è provveduto con alcuni cittadini e le nostre Guardie Ecologiche alla pulizia del letto del torrente Crostolo, dal parco di via Monte Cisa fino all’altezza del Gattaglio: dopo tre anni che non facevamo la pulizia abbiamo raccolto circa 20 sacchi di rifiuti, sia trasportati dall’acqua che lanciati dai ponti, dalle strade e dalle piste ciclabili che costeggiano il torrente. Resta sempre irrisolto l’abbandono di rifiuti nel retro del supermercato Lidl situato nei pressi del ponte di S. Pellegrino, che genera un’enormità di rifiuti sulla sponda e nel greto del Crostolo.  Gli oggetti più diffusi sono soprattutto state bottiglie di plastica e lattine, seguite da bottiglie di vetro, rifiuti domestici e lasciti da furti (lucchetti tagliati, chiavi). È comunque impressionante la quantità di pezzi di plastica che si rinvengono, quasi tutta non biodegradabile e spesso frantumata dal sole o dal gelo, tanta da renderne difficile il recupero. E’ facile poi capire perché alle prime piogge questo materiale raggiunga il Po e poi il mare, contribuendo all’enorme mole di plastica presente nei nostri mari.


Non sono mancate le sorprese domenica mattina anche a Villa Minozzo, dove ha partecipato anche l’assessore all’ambiente Lucia Manicardi, per la pulizia della cascata del Golfarone: qui i rifiuti sono stati lasciati dai numerosi turisti che hanno frequentato l’area quest’estate e che hanno deciso di passare una giornata in un luogo suggestivo, lasciandovi anche una traccia tangibile del loro passaggio. Bottiglie di tutti i tipi, piatti di plastica, sigarette, rifiuti organici, bombolette spray, conditi da alcuni ritrovamenti di abbandoni “antichi” come boiler, il telaio di una Vespa, un materasso, mobilio vario”.


Venerdì mattina a Reggio è stata la volta della scuola primaria di Roncocesi Presso la “S. Giovanni Bosco”, dove un centinaio di bambini hanno ripulito le zone intorno alla scuola e alla chiesa e hanno approfittato della giornata per piantare dei bulbi nel cortile scolastico.


Grande successo di Puliamo Il Mondo anche a Cadelbosco sabato 23: la giornata è iniziata al mattino con l’attività di pulizia delle aree circostanti il comprensorio scolastico che ha visto la partecipazione delle classi terze delle elementari e delle medie. Al pomeriggio si sono radunati gli eco-gruppi formati da cittadini che si sono suddivisi nella pulizia del comune capoluogo e delle 3 frazioni di Argine, Seta e Cadelbosco Sotto.  A Cadelbosco Sopra il Sindaco Tania Tellini assieme a adulti e ragazzi hanno perlustrato il paese raccogliendo i segni dell’inciviltà e della maleducazione delle persone.
Cadelbosco Sotto, il comitato genitori della scuola ha gestito la pulizia delle aree circostanti la scuola elementare.

Villa Argine un gruppo di cittadini, aiutato spontaneamente dai migranti richiedenti asilo residenti nella piccola frazione, ha ripulito le aree circostanti la chiesa e il cimitero della frazione.
Infine un altro gruppo di cittadini si è occupato della pulizia della frazione di Villa Seta.
La giornata è stata organizzata dall’amministrazione comunale di Cadelbosco Sopra e Legambiente con il supporto dei Comitati Genitori delle Scuole Comunali e delle varie associazioni di volontariato operanti sul territorio.

Pur notando un piccolo miglioramento nella quantità di rifiuti raccolta dai volontari, permangono alcuni comportamenti incivili come l’abbandono di rifiuti pesanti a bordo strada (water, mobili, ecc..), di mozziconi di sigaretta, cartacce, bottiglie di vetro nei parchi durante la notte.


Poviglio si è svolta l’iniziativa sabato mattina, organizzato dal Comune a cui hanno partecipato tutte le classi della scuola elementare “G. Pascoli”: le I e le II hanno ripulito il cortile interno della scuola; la III, IV e V si sono occupate del parcheggio della scuola, mentre le classi II della scuola media “De Sanctis”, si sono impegnate per ripulire la pista ciclo-pedonale, il parco intorno al polo scolastico, il centro polisportivo. Tutte le classi si sono infine incontrate al circolo ARCI Kaleidos per i saluti e i ringraziamenti. Hanno inoltre contribuito alla buona riuscita dell’iniziativa il Comitato Genitori, l’assessora alla culture Malpeli Isa e l’associazione Zeppelin.

Nel pomeriggio il gruppo scout AGESCI Poviglio-Boretto 1 si è incaricato di ripulire il centro del paese.


Rubiera domenica mattina l’iniziativa ha visto la partecipazione di oltre 30 persone che sono partite dalla Corte Ospitale fino al parco Don Andreoli, raccogliendo rifiuti vari lungo il percorso fra cui anche scarpe e un sacco di polistirolo.

“Un’ iniziativa – conclude Becchi – che dimostra non solo la grande voglia di fare delle persone ma anche la loro attenzione e sensibilità ai temi ambientali e alla cura dei beni comuni”.

FacebookTwitterGoogle+