18 gennaio 2017Temi: , Legambiente denuncia il nuovo abbandono di farmaci a Reggio Emilia

P1000195-min“Sembra incredibile – dichiara Massimo Becchi presidente di Legambiente Reggio Emilia – ma fra i materiali pericolosi rinvenuti negli ormai consueti abbandoni che segnaliamo agli organi competenti, non bastava l’eternit, ora sono stati rinvenuti dei sacconi (big bags) di farmaci scaduti a pochi metri dai rio Moreno a Reggio Emilia. In via Oscar Zanichelli infatti, in aperta campagna, i soliti ignoti hanno approfittato di una comoda carraia a fianco del rio stesso per lasciare questi farmaci in due grossi sacchi, indubbiamente scaricati da un camion con una gru. Oltre a questo hanno abbandonato anche estintori, pneumatici e materiale vario. Vista la pericolosità di questi farmaci è urgente una bonifica dell’area, in parte già realizzata nelle scorse setimane, ma che non ha interessato questi due ultimi big bags: difficile immaginarsi le conseguenze in caso di pioggia o neve, sia per l’impossibilità di raggiungere il sito, sia per il possibile ruscellamento nel rio delle acque di sgrondo dei farmaci. In questo caso è inoltre necessaria un’operazione di investigazione seria, risalendo dal lotto dei farmaci ai detentori, in modo da poter ricostruire la filiera fino allo smaltitore finale.

Purtroppo gli abbandoni sono moltissimi nella nostra provincia – conclude Becchi –  nel corso del 2016 le nostre Guardie Ecologiche hanno segnalato 180 discariche abusive, di queste il 62 % (ovvero 111) nel solo comune di Reggio, a testimoniare come il fenomeno, che aveva subito una battuta di arresto prima della crisi del 2008, sia ora un problema vero. Non mancano anche i veicoli in stato di abbandono, ovvero parcheggiati su suolo pubblico e lasciati alle mercé delle intemperie e dei vandali, che spesso ne smontano dei pezzi e le rendono pericolose per l’ambiente e inutilizzabili. Molti di questi abbandoni contengono poi rifiuti pericolosi come l’eternit”.

Per incrementare i nostri servizi di vigilanza ambientale Legambiente sta organizzando un nuovo corso di formazione di Guardie Ecologiche Volontarie, che partirà a febbraio. VEDI QUI TUTTI I DETTAGLI

FacebookTwitterGoogle+