22 novembre 2018Temi: , , Pranzo di APRO Onlus, il resoconto

Domenica 18 novembre al Teatro Artigiano di Massenzatico, si è svolto il 28° pranzo di Apro Onlus, associazione di volontariato per lo studio e la cura delle malattie dell’apparato digerente e progetti di radioterapia che in questi anni ha raccolto fondi per l’acquisto di attrezzature e tecnologie all’avanguardia per i reparti di Medicina III, Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva e Radioterapia Oncologica dell’Arcispedale Santa Maria Nuova.

Le 250 persone presenti hanno dato il proprio contributo a sostegno del progetto triennale Il tempo è prezioso per la prevenzione e la cura del tumore del pancreas, patologia che in Italia ha segnato un aumento del 18% dal 2011 al 2016 e che si prevede, nel 2030, sarà la seconda causa di morte per cancro nei paesi industrializzati.

Presenti i vertici dell’Azienda Sanitaria Fausto Nicolini e Giorgio Mazzi, direttori e medici dei tre reparti, il presidente onorario di Apro Giuliano Bedogni, il presidente Giovanni Fornaciari, la vice presidente e primario di Radioterapia Cinzia Iotti, il sindaco di Reggio Emilia Luca Vecchi, il sottosegretario regionale Giammaria Manghi e il deputato Andrea Rossi, che hanno sottolineato l’importanza del ruolo delle associazione a sostegno della sanità, proprio in occasione del 40° anniversario dall’istituzione del Servizio Sanitario Nazionale. Anche quest’anno non ha mancato l’appuntamento il presidente della Fondazione Manodori, Gianni Borghi.

Come sempre preziosa l’instancabile attività dei volontari di Apro, tra cui i coniugi Elsa e Giuseppe Rota, Nadia e Claudio Ferrari e i numerosi volontari del Circolo La Capannina-Paradisa, in particolare il presidente Roberto Bertacchini e Emanuela Bertozzi, che hanno reso possibile l’ottima riuscita della manifestazione.

In questo periodo e in occasione delle festività è possibile contribuire al progetto visitando i numerosi banchetti di raccolta fondi organizzati da Apro presso gli ospedali di Scandiano, Correggio e nell’Atrio e nel Core del Santa Maria, o contattando la segreteria al numero 0522 295585 o 320 9624465.

FacebookTwitterGoogle+