9 febbraio 2019Temi: , , Storie e musica in biblioteca per la giornata mondiale del Braille

Storie e musica in biblioteca per la giornata mondiale del Braille. Saranno messe in scena sabato 23 febbraio dalle 17 alle 19.30 alla biblioteca Turchetti dell’istituto Garibaldi per i ciechi a Reggio Emilia in via Franchetti 7.

Si inizia alle 17 con “Albero bell’albero”, un concerto aperto a tutti, per bambini di tutte le età, con Fabio Bonvicini e Gianluca Magnani in concerto. Al centro musiche e canzoni per bambini della tradizione popolare tosco-emiliana con Fabio Bonvicini avoce, organetto, tamburo battente, ciaramella, ocarina di Budrio, piffero, flauti, fischietti, piva e Gianluca Magnani a voce, chitarre acustiche, chitarre classiche, mandolino, percussioni, armonica, fisarmonica.

Da oltre dieci anni Fabio Bonvicini e Gianluca Magnani vivono quotidianamente la musica popolare per ragazzi (ma ragazzi di tutte le età!) suonando in concerti, spettacoli teatrali e svolgendo laboratori didattici. Anni di esperienza comune fra spettacoli per l’infanzia e progetti didattici, hanno portato – per strade diverse – alle stesse conclusioni. Questo progetto è il punto di incontro tra le loro esperienze precedenti, che si fonde in uno spettacolo di canzoni, suoni, giochi con gli strumenti musicali e chiacchiere con i bambini con cui nasce un coinvolgimento immediato e spontaneo incentrato su canzoni ormai secolari che mantengono intatta la loro forza espressiva esattamente come le fiabe popolari. Viene dato spazio ad ogni sorta di strumenti acustici, affidando ad ogni brano il compito di illustrare e difendere un suono, una voce, un colore autentico.

Si continua alle 18.30 con “Louis Braille – Il ragazzo che leggeva con le dita – L’invenzione della scrittura tattile”, aperto a tutti, dai 6 anni in su. E’ il racconto narrato della storia di Louis Braille e della sua invenzione, tratta dal libro Louis Braille. Il ragazzo che leggeva con le dita, edito da Filadelfia e dimostrazione dell’uso di alcuni strumenti di scrittura Braille.

FacebookTwitterGoogle+