22 ottobre 2016Temi: , Terremoto in Centro Italia: aiuti a Montegallo, Reggio punta a 200mila euro

FabianiManghiDuecentomila euro per ricostruire la scuola elementare di Montegallo, il comune terremotato di Ascoli Piceno che la Provincia e i Comuni reggiani hanno individuato come destinatario delle risorse raccolte con le tantissime iniziative di solidarietà che si sono tenute e stanno tuttora svolgendosi nel nostro territorio.
E’ questo l”obbiettivo ambizioso, ma realistico” che il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giammaria Manghi, ha annunciato questa mattina nel corso dell’Assemblea straordinaria dei sindaci che si è riunita proprio sul tema degli aiuti alle popolazioni del Centro Italia colpite dal terremoto dello scorso agosto. Nella Sala del Consiglio provinciale, un ospite d’eccezione: il sindaco di Montegallo Sergio Fabiani, che proprio il presidente Manghi aveva invitato nel Reggiano nel corso della visita compiuta a fine settembre nel paese marchigiano. E, insieme, ai sindaci anche molti rappresentati delle associazioni di volontariato che in questi mesi hanno collaborato con i Comuni reggiani nel promuovere e organizzare le tante iniziative di ”una solidarietà che ha davvero avvolto tutto il nostro territorio, consentendoci già di superare i 65mila euro nel conto corrente unico promosso dalla Provincia per convogliare tanto le donazioni dei privati, quanto quelle delle istituzioni, perché fare solidarietà insieme è più efficace”, ha detto Manghi.
Per quanto riguarda l’obbiettivo degli aiuti, il presidente della Provincia ha confermato che “si punta a ricostruire la scuole elementare di Montegallo, oggi ospitata in un prefabbricato della cittadella realizzata a tempo di record dalla Regione Emilia-Romagna, anche perché la sicurezza delle scuole, come ha confermato anche l’inaugurazione di questa mattina a Rio Saliceto, è l’architrave su cui si fonda il futuro delle nostre comunità”.
Nel cedere la parola al sindaco Fabiani – che nel pomeriggio è atteso da altre iniziative nella Reggiolo simbolo del terremoto d’Emilia e nella Correggio che proprio oggi celebra i vent’anni dal sisma che la colpì – Manghi  ha invitato il collega “a tornare a Montegallo confortato dalla possibilità di riabilitare la sua comunità, come è avvenuto proprio qui nel Reggiano”.
mont2Il sindaco Fabiani ha iniziato il suo intervento indossando la fascia tricolore “a testimoniare che oggi, qui con me, ci sono idealmente tutti i cittadini di Montegallo”.  “Siete veramente stati tutti fantastici, l’Emilia-Romagna è stata fantastica, e più di una volta mi sono chiesto se anche noi saremmo riusciti a fare quello che avete fatto voi –  ha detto  – Al di là degli aiuti, tempestivi ed efficaci, ho fatto i conti ieri sera e sono stati ben 138 i sindaci emiliano-romagnoli che mi hanno chiamato in queste settimane. Abbiamo già svolto un migliaio dei 1.500 sopralluoghi richiesti e proprio sabato scorso abbiamo chiuso tutti i campi di accoglienza. Una regione intera ci ha adottato e ci dà la forza di ripartire: e noi montanari siamo tanto testardi quindi ce la metteremo davvero tutta per ripartire. Visiterò tutti i comuni dell’Emilia-Romagna per ringraziarli e ho già ordinato cinquemila chiavi del Comune di Montegallo per voi”.
La mattinata si è chiusa con un lungo e caloroso applauso di ringraziamento rivolto a tutti i volontari reggiani che hanno promosso le iniziative di solidarietà e, soprattutto, si sono recati nel Centro Italia nella fase dei soccorsi: “Anche durante la mia visita a Montegallo ho trovato nel campo di accoglienza tantissimi reggiani: volontari di Protezione civile, agenti di polizia municipale, tecnici comunali – ha detto il presidente Manghi – Come se una comunità, quella reggiana, si fosse trasferita in un luogo dell’Italia che soffre, e questa nostra splendida risorsa rappresenta un’altra pietra angolare di Reggio Emilia e della sua storia”.
FacebookTwitterGoogle+